logo

Statuto

Principi


"L'ITALIA MIGLIORE IL PARTITO DEI CITTADINI" ha quale punto essenziale della sua missione la centralità della Persona che si sviluppa su tre principi base: la Libertà, la Qualità, la Comunità.
L'ITALIA MIGLIORE IL PARTITO DEI CITTADINI ha inoltre quale riferimento fondamentale la Costituzione Italiana.

Obiettivi


L’obiettivo di fondo de L'ITALIA MIGLIORE IL PARTITO DEI CITTADINI è che il nostro Paese possa raggiungere elevati traguardi di benessere economico e sociale per tutti i cittadini e rappresentare così un faro di civiltà, un esempio da imitare.
Nella grande Famiglia delle Nazioni il ruolo dell’Italia deve essere quello di traino, di apripista per rendere il Mondo migliore, facendo sì che un Paese operi insieme agli altri, non contro gli altri.
Nel nome del Movimento politico è insito il significato strategico per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Adesione


L’adesione al Partito è libera.
L’adesione non prevede alcuna quota di iscrizione.
Possono aderire i cittadini italiani, i cittadini stranieri di origine italiana, Enti, Associazioni, Realtà del mondo economico, sociale e religioso.
L’adesione ha come limite un elevato livello civile e morale che può essere valutato, su richiesta motivata, dal Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale.
Le adesioni possono avvenire o direttamente sul Sito nazionale oppure attraverso i Siti delle Comunità Territoriali o, se esistenti, presso le Sedi fisiche delle stesse.
L’elenco delle adesioni non è segreto.

Organi del Partito


Sono Organi del Partito:
1) l’Assemblea Nazionale
2) il Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale
3) il Presidente
4) la Commissione Elettorale

L’Assemblea Nazionale


L'ITALIA MIGLIORE IL PARTITO DEI CITTADINI pone le Comunità di Base e le Comunità Territoriali (Circoscrizionali per le Grandi Città e Comuni capoluogo, Comunali, Provinciali, Regionali e Circoscrizioni Estere) quali fondamenta della propria struttura.
Esse dibattono ed indicano le linee guida.
I rappresentanti delle Comunità di Base insieme a quelli delle Comunità Territoriali costituiscono l’Assemblea Nazionale che si riunisce una volta l’anno e definisce programmi, ruoli e tutto quanto riguarda l’attività del Partito.
L’Assemblea Nazionale nomina i componenti del Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale, costituito da Quattordici persone che rimangono in carica fino alla successiva Assemblea Nazionale e possono essere confermati.

Il Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale


Il Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale nomina al suo interno il Presidente, il Vicepresidente vicario ed un Vicepresidente operativo, che rappresentano il Partito in tutte le sedi politiche ed Istituzionali; il Tesoriere ed il Vicetesoriere; il Portavoce; i Responsabili per i rapporti con le Comunità di Base, con le Comunità Territoriali, con i Consiglieri Circoscrizionali e Comunali, i Consiglieri Provinciali, i Consiglieri Regionali, i Deputati, i Senatori, i Deputati Europei.
Il Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale nomina inoltre i componenti del Collegio dei Revisori Contabili, composto da tre membri iscritti all’Albo dei Revisori Contabili, che restano in carica fino alla successiva Assemblea Nazionale.

Il Presidente


Il Presidente rappresenta il Partito in tutte le Sedi politiche ed Istituzionali.
Il Presidente, o in caso di suo impedimento il Vicepresidente vicario, nel rispetto delle leggi vigenti, ha anche la responsabilità individuale delle attività amministrative, patrimoniali e finanziarie del Partito. Ha inoltre la rappresentanza legale e giudiziale, sia attiva che passiva. Su esplicito mandato del Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale può compiere atti di ordinaria e straordinaria amministrazione, comprese l’acquisizione o la cessione di beni a titolo gratuito o oneroso.

La Commissione Elettorale


Il Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale nomina, in occasione di competizioni elettorali, una Commissione Elettorale.
La Commissione Elettorale gestisce tutto il processo organizzativo per la scelta dei candidati attraverso le Primarie, la composizione delle liste, tutte le procedure necessarie per la presentazione delle stesse e per il corretto svolgimento delle elezioni.
La Commissione Elettorale decide anche su eventuali incompatibilità di qualche candidato. Contro la decisione si può presentare ricorso al Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale, il quale, sentite le motivazioni, decide in modo insindacabile.
La Commissione Elettorale ha una struttura federale ed è costituita da un rappresentante di ogni Regione e Province Autonome di Trento e Bolzano, un rappresentante per ogni Provincia, cinque o più rappresentanti (in proporzione al bacino elettorale) per i Comuni di ciascuna Regione, un rappresentante delle Circoscrizioni Estere.
I componenti la Commissione Elettorale, ove possibile, devono far parte dell’Assemblea Nazionale.

L’Amministrazione


Il Presidente, o in caso di suo impedimento il Vicepresidente vicario, nel rispetto delle leggi vigenti, ha la responsabilità individuale delle attività amministrative, patrimoniali e finanziarie del Partito.
Il Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale nomina un Tesoriere ed un Vicetesoriere.
Il Tesoriere, in base a quanto previsto dalle norme vigenti, predispone i rendiconti: economico-finanziario, sulla contabilità del Partito e delle spese elettorali. Egli predispone e consegna la documentazione per richiedere i rimborsi elettorali alle Autorità competenti a tutti i livelli territoriali e, su mandato del Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale, ne raccoglie gli introiti per conto del Partito. Ha facoltà, sempre su esplicito mandato del Comitato di Coordinamento Organizzativo
Nazionale, di aprire o chiudere conti correnti bancari o postali ed effettuare tutte le operazioni bancarie comprese fideiussioni e depositi. Cura poi la tenuta e l’aggiornamento dei registri contabili, amministrativi e sociali del Partito previsti dalle leggi in vigore.
Il Tesoriere predispone il bilancio preventivo e quello consuntivo che devono essere approvati dal Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale.

Organizzazione Locale


I singoli cittadini e le Comunità di Base concorrono a costituire le Comunità Territoriali.
Le Comunità Circoscrizionali (Grandi Città e Comuni capoluogo), quelle Comunali, Provinciali, Regionali e le Circoscrizioni Estere scelgono la formula organizzativa più rispondente alle loro esigenze, rispettando i principi, gli obiettivi e gli strumenti organizzativi previsti dal presente Statuto.
Esse possono seguire il modello della struttura nazionale e quindi: Assemblea Comunale, Provinciale, Regionale, Estera e relativi Comitati di Coordinamento i cui componenti sono in numero strettamente necessario per far fronte alle esigenze operative e gestionali del Partito al proprio livello di competenza.

Elezioni


L'ITALIA MIGLIORE IL PARTITO DEI CITTADINI può concorrere alle competizioni politiche, elettorali e referendarie, a qualsiasi livello.
Tutti i cittadini partecipano alla scelta delle persone che ritengano - sotto il profilo morale e professionale - le più capaci e idonee a gestire le Amministrazioni pubbliche, le Istituzioni del Paese, a rappresentare e a definire il progetto per il futuro dell’Italia.
La scelta dei candidati alle varie competizioni elettorali avviene attraverso le Primarie alle quali possono partecipare tutti i cittadini che abbiano compiuto il sedicesimo anno di età.
La presentazione delle candidature e dei contrassegni è di competenza esclusiva della Commissione Elettorale che agisce attraverso procuratori speciali scelti, ove possibile, insieme ai responsabili delle Comunità Territoriali.

Risorse Economiche


L'ITALIA MIGLIORE IL PARTITO DEI CITTADINI è una Associazione senza scopo di lucro.
La partecipazione economica è volontaria e si sviluppa a livello nazionale e nelle Comunità di Base e Territoriali solo con metodi totalmente trasparenti. L’elenco dei contributi non è segreto.
Alle esigenze organizzative si fa fronte anche mediante risorse economiche nazionali derivanti dal libero contributo degli eletti che percepiscono emolumenti per l’espletamento della carica, dalle risorse previste dalle disposizioni di legge, da contributi volontari di persone ed Enti, donazioni, elargizioni, lasciti, disposizioni testamentarie, quindi risorse pubbliche e private nel rispetto delle leggi vigenti in materia.
Le risorse provenienti da disposizioni di legge riguardanti le campagne elettorali regionali, provinciali e comunali vengono integralmente trasferite alle Comunità Territoriali interessate.
Il Partito non può contrarre debiti.
Gli obblighi assunti ad ogni livello territoriale o dalle Comunità di Base non impegnano a nessun titolo e per nessun motivo il livello nazionale, né si verifica alcuna successione contrattuale.
Il Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale, in presenza di disponibilità economiche eccedenti le necessarie esigenze organizzative del Partito può promuovere iniziative culturali, formative e sociali rivolte agli aderenti o anche aperte a tutti i cittadini.
In caso di scioglimento dell’Associazione il Comitato di Coordinamento Organizzativo Nazionale decide sulla destinazione del patrimonio.

Raccomandazione


Il Partito ha anche sede telematica.
È opportuno quindi utilizzare, ove possibile e per gli adempimenti organizzativi, la “RETE”, evitando spostamenti fisici e comunicazioni cartacee.
È necessario inoltre eliminare qualsiasi intralcio burocratico in ogni fase e manifestazione della vita del Partito.

Segreteria Nazionale

segreteria@ilpartitodeicittadini.it
tel. 377/9514305

Ufficio Stampa

ufficiostampa@ilpartitodeicittadini.it
tel. 340/3605335

Comitato di Coordinamento

coordinamento@ilpartitodeicittadini.it
tel. 377/9514305